FLASH NEWS

a cura della Segreteria Organizzativa Nazionale SIMG - Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie

venerdì 9 gennaio 2015

RAPPORTO INFLUENZA STAGIONE 2014-2015 - BOLLETTINO SETTIMANALE DELL’INFLUENZA - 51° settimana 2014 (15 – 21 dicembre)

BOLLETTINO DELLA SOCIETA’ ITALIANA DI MEDICINA GENERALE 
a cura di Aurelio Sessa


51° settimana 2014 (15 – 21 dicembre) 

IN ITALIA 

Nel corso di questa settimana di rilevazione circa 800 medici sentinella, con un denominatore di popolazione di circa 1 milione di assistiti, hanno segnalato complessivamente 2.272 casi di influenza clinica. 

L’incidenza è calcolata stata di 2.80 casi per 1000 abitanti. 



Rapportando questo dato all’intera popolazione italiana si stima che, nel corso di questa settimana di rilevazione siano state colpite da influenza complessivamente 130.800 persone. 




Le regioni più colpite sono Marche, Veneto e Piemonte rispettivamente con 4.18, 3.54 e 3.39 casi per 1000 abitanti, mentre Puglia, Basilicata e Sicilia le meno colpite (rispettivamente con 1.12 e 1.24 casi per mille abitanti). 
E’ possibile visionare il grafico dell’andamento dell’influenza sul sito dell’Istituto Superiore di Sanità (www.iss.it/iflu).


Dal Centro Interuniversitario di Ricerca sull’Influenza e Infezioni Virali (CIRI-IV), che riceve informazioni da circa 400 medici sentinella di 10 Regioni con un denominatore di popolazione di circa 600.000 unità, sono stati segnalati, nel corso di questa settimana, 1348 nuovi casi di infezioni delle vie aeree. L’incidenza delle infezioni delle vie aeree da virus non influenzali (ARI = Acute Respiratory Illness) è stata del 2.78 per mille che significa 166.800 nuovi casi su tutto il territorio nazionale. (www.influciri.it).



Queste infezioni colpiscono prevalentemente i piccoli (0-4 anni: circa il 14 per mille) e i giovani (5-14 anni: circa 4 per mille). 



IN EUROPA 


L’attività dell’influenza in Europa rimane ancora bassa anche se in aumento rispetto alla settimana precedente. Le consultazioni per influenza e altre sindromi respiratorie sono stabili rispetto alla settimana precedente e la positività dei tamponi per l’influenza si è attestata al 9%. Il sottotipo predominante sia sul territorio che per i casi ricoverati è il virus A/H3N2. 

Viene segnalato dall’ECDC che vi è una significativa differenza genetica tra il virus A/H3N2 circolante e il ceppo contenuto nel vaccino (ciò non solo in Europa ma anche nel Nord America) e ciò potrebbe ridurre l’efficacia del vaccino.  Ciononostante si consiglia di continuare comunque la campagna vaccinale (www.flunewseurope.org ). 







Nessun commento:

Posta un commento

il tuo commento sarà sottoposto a moderazione da parte dei redattori