FLASH NEWS

a cura della Segreteria Organizzativa Nazionale SIMG - Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie

domenica 18 settembre 2016

LA SPEZIA - 24/09/2016 - SCREENING DELL’ANEURISMA DELL’AORTA ADDOMINALE


LA SPEZIA - 10/09/2016 - ARTRITI ENTEROPATICHE E FARMACI BIOLOGICI


GENOVA - 5/09/2016 - DEPRESSIONE E CURE PRIMARIE: MODELLI DI COLLABORAZIONE CON LA PSICHIATRIA





Studio “Screening Diabete Palermo” progettato nell’ambito della SIMG di Palermo

Alleghiamo l’abstract  relativo allo studio “Screening Diabete Palermo” progettato nell’ambito della SIMG di Palermo,  implementato grazie all’indispensabile  supporto del software milleGPG, è stato accettato alla 52nd EASD, (European Association for the Study of Diabetes),  Annual Meeting,  Munich – Germany 12-16 September 2016 .

Questo il poster con i risultati dello studio DSP (Diabetes Screening Palermo) che sarà presentato dal Dott.Tindaro Iraci,  al 52° Congresso della Società Europea per lo Studio del Diabete, che si svolgerà a Monaco – Germania, 12-16 settembre 2016:



Lo studio ha dimostrato che, in primary care, un approccio proattivo del MMG verso lo screening del diabete mellito di tipo 2 (DMT2) e soprattutto l’effettuazione della curva da carico orale di glucosio (OGTT) nei soggetti con alterata glicemia a digiuno (IFG), hanno favorito la diagnosi precoce di DMT2, riducendo i casi di diabete non diagnosticato. Il programma di screening ha consentito inoltre, di identificare i soggetti con condizioni di prediabete, che richiedono interventi di prevenzione. Infine i sistemi informatici, attraverso un’attività di audit clinico, hanno migliorato il management del programma di screening.





Authors
T. Iraci1, V. Di Carlo2, L. Galvano2, F. Magliozzo2, SIMG PALERMO; 1Simg Palermo, Cefalu, Italy, 2Simg Palermo, Palermo, Italy.
Disclosures
 T. Iraci: None.
Abstract
Background and aims: The Diabetes Screening Palermo Study evaluated, in the general practice setting, the effectiveness of a screening strategy for type 2 diabetes mellitus (T2DM). This study used electronic instruments to identify individuals at a high risk of diabetes and to provide early detection of undiagnosed T2DM and prediabetes.
Materials and methods: This is an observational study, lasting 24 months, in primary care from Italy, conducted by 20 GPs.The study partecipants were drawn from the general patient population of these physicians. Included were men and women, aged > 14 years, after the exclusion of individuals previously diagnosed with diabetes. The screening programme was divided into two phases. Phase 1: identification of patients at high risk of diabetes through the analysis of databases of general practitioners. To identify those at high risk for T2DM, the criteria adopted were from the Italian Standard of Medical Care in Diabetes. Testing to detect type 2 diabetes in asymptomatic people, have been considered in adults of any age, who were overweight or obese (BMI ≥25 kg/m2) and who had one or more additional risk factors for diabetes. For all patients, without these risk factors,testing began at age 45 years. Phase 2: screening to test for diabetes or prediabetes, using fasting plasma glucose (FPG) and the 2-h plasma glucose value after a 75-g oral glucose tolerance test (OGTT). The OGTT was a central component of the screening programme and a significant proportion of individuals at high risk for diabetes, which is defined as those with impaired fasting glucose (IFG), had blood glucose levels, after the glucose load, that were compatible with either a diagnosis of T2DM or impaired glucose tolerance (IGT).
Results: the total study was composed of 26 410 subjects, of which 13319 (50.43%) were at high risk of T2DM. A total of 40.75% of these high-risk individuals had impaired fasting glucose (IFG). A total of 965 subjects with IFG were than, at random, subjected to an OGTT, on the basis of which 136 subjects (14.09%) were identified with IGT and 83 subjects (8.60%) gave a response compatible with the diagnosis of T2DM
Conclusion: In a primary care setting, a proactive approach towards diabetes screening, especially performing OGTTs in subjects with IFG, facilitated the early diagnosis of T2DM. This reduced the percentage of cases of undiagnosed diabetes and allowed the identification of individuals with prediabetes, who required preventive interventions. Through a process of a clinical audit, the computerised systems used by general practitioners,facilitated the identification of people at high risk for diabetes and improved the management of the screening programme.
http://files.abstractsonline.com/CTRL/9c/1/b14/5f3/3f7/4a9/1a3/90f/fce/581/95f/56/g387_2.png?noCache=22




“Io equivalgo”. Fa tappa a Perugia

Perugia, 16 settembre 2016

“Io equivalgo”. Fa tappa a Perugia  il 17 settembre il “villaggio” della campagna sui farmaci equivalenti promossa da Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato

Farà tappa a Perugia,  il prossimo 17 settembre, in Pian di Massiano, Area mercato, dalle 9 alle 17, il villaggio di “Ioequivalgo”, la campagna di informazione sui farmaci equivalenti promossa da Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato, con il sostegno non condizionato di Assogenerici.
Saranno presenti, oltre ai referenti locali e nazionali di Cittadinanzattiva, anche medici di famiglia, farmacisti ed infermieri che forniranno ai cittadini consigli, raccomandazioni ed indicazioni pratiche. Sono previsti, inoltre, ulteriori momenti ludici e di intrattenimento del pubblico.
La campagna si basa sull’uso di strumenti tradizionali, come affissioni, ma anche su un “villaggio” dedicato al tema e animato da nostri volontari e professionisti della sanità, e che farà tappa fino a ottobre in 12 città. Oltre che durante la permanenza in città, i leaflet informativi saranno distribuiti capillarmente dalle sedi del Tribunale per i diritti del malato, negli studi dei medici di famiglia, nelle farmacie, nelle sedi dei partner del progetto.
La campagna conta inoltre su un ampio utilizzo di strumenti digitali quali un sito dedicato, www.ioequivalgo.it, attività digitali sui diversi social media, e una campagna advertising online basata su uno spot di 30’’.
Accanto a questo, è disponibile la app “ioequiovalgo” in ambiente IOS e Android, realizzata in collaborazione con Farmadati, attraverso la quale è possibile avere informazioni sempre aggiornate sul costo del farmaco “di marca” e del relativo equivalente  quando disponibile. Questo vale sia per i farmaci erogati gratuitamente dal SSN (fascia A), sia per quelli che sono interamente pagati dai cittadini (fascia C).
Il 26,6% delle segnalazioni che riceviamo ogni giorno mostrano quanto i costi privati per i farmaci stiano diventando pesanti per loro. Accanto a questo, vale la pena ricordare che il 9,5% degli italiani rinuncia alle cure, e che secondo il Rapporto OSMED (2014) la spesa pro capite per ogni compartecipazione del cittadino è stata di 24,7 euro, di cui il 63,6% è per la differenza di prezzo tra il medicinale acquistato e quanto rimborsa il SSN in base alla lista di trasparenza; il 36,4% è per i ticket regionali




Cittadinanzattiva onlus – ufficio stampa

06/367181

martedì 13 settembre 2016

Master “Salute e Medicina di Genere”




Dal prossimo mese di dicembre inizierà a Firenze presso il Dipartimento di Scienze della Salute (Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi) il primo Master di 2° livello dell’Università di Firenze in Salute e Medicina di Genere, aperto ai principali profili di lauree magistrali (Medicina e Chirurgia, Farmacia, Odontoiatria, Biologia, Psicologia, Biotecnologie, Scienze Infermieristiche ed Ostetriche, Fisioterapia, Dietistica).
Il percorso formativo fa parte dell’offerta didattica 2016-2017 approvata dagli organi di governo dell’Ateneo Fiorentino (http://www.unifi.it/upload/sub/master/1617/m_dr679.pdf).
La figura professionale formata avrà competenze trasversali ed acquisirà conoscenze tali da promuovere la cultura nel campo della Salute e Medicina di Genere con l’obiettivo di limitare le diseguaglianze di genere sia per la diagnosi che la terapia e con la finalità di un cambiamento organizzativo del Sistema Sanitario.
Il Master prevede un percorso didattico multidisciplinare allo scopo di fornire le conoscenze sia di base che specialistiche per una corretta comprensione del vasto panorama della Salute e Medicina di Genere. Tale panorama inizia da una epidemiologia che vede una prevalenza nettamente diversa di numerose patologie nei due generi (malattie cardiovascolari, diabete, Alzheimer ed altre demenze, disfunzioni tiroidee, ecc, ecc) a fronte di una medicina tradizionale che le ha studiate quasi esclusivamente nel genere maschile. Le differenti incidenze e prevalenze si esprimono con quadri clinici spesso diversi che necessitano di una diagnostica informata e attenta alla precoce individuazione di tali differenze. Così come i quadri fisio-patologici delle malattie, anche le conoscenze e le sperimentazioni relative ai farmaci discriminano in senso negativo le donne, privilegiando negli studi preclinici e clinici il genere maschile. La donna presenta invece peculiarità farmacocinetiche e farmacodinamiche ad oggi poco note e indagate nella ricerca farmacologica che si traducono in differenti effetti sia terapeutici che tossici, conoscenze che dovrebbero invece essere comprese nel curriculum formativo delle varie professioni sanitarie.
L’attività didattica, sia frontale che svolta con tirocini specifici nell’ambito dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Careggi, si articolerà nei seguenti moduli:
Modulo I- Salute e Medicina di Genere: un salto di paradigma
  • Salute e Medicina di Genere in Italia e in Europa: strategie, azioni e professioni sanitarie
Modulo II- La medicina declinata in ottica di genere: percorsi preventivi e diagnostico-Terapeutici
  • Fisiopatologia cardio-toraco e cerebro-vascolare
  • Apparato riproduttivo ed endocrino
Modulo III- La sfida della Medicina di Genere: dalla ricerca alla pratica clinica personalizzata
  • Farmacocinetica, farmacodinamica, farmacogenetica
Il mercato del lavoro di riferimento saranno ospedali pubblici e privati, servizi ambulatoriali territoriali, strutture convenzionate con il SSN, Industrie Farmaceutiche.
La finalità formativa del Master è quindi quella di formare figure professionali che possiedano una conoscenza multidisciplinare (fisiologia, patologia, farmacologia, pediatria, ecc, ecc) tale da consentire l’applicazione di percorsi preventivi e diagnostico-terapeutici finalizzati al riconoscimento, alla valutazione e ad un trattamento differenziato per genere delle varie patologie. Un altro obiettivo non meno importante sarà l’acquisizione di specifiche conoscenze sull’attività o reazioni avverse ai farmaci genere-dipendenti.
Sede del Corso: Dipartimento di Scienze della Salute (DSS) - Viale Pieraccini, 6 - Firenze
Durata delle attività didattiche: 10 mesi; le lezioni frontali si svolgeranno in due-tre giornate al mese
Periodo di svolgimento del Corso: dicembre 2016 - ottobre 2017
Scadenza delle domande di ammissione al master: 9 novembre 2016
Pubblicazione graduatoria ammessi: 18 novembre 2016
Scadenza delle domande di iscrizione al master: 30 novembre 2016
Quota di iscrizione: € 2.500,00=
Le domande di ammissione e iscrizione al master devono essere compilate online (http://www.unifi.it/cmpro-v-p-10777.html#salute)
Per le lauree triennali in ambito biologico, infermieristico e farmaceutico sarà attivato un Corso di Perfezionamento con obiettivi analoghi a quelli del Master (http://titulus.unifi.it/albo/viewer?view=files%2F002233035-UNFICLE-1e77874b-e82a-40b2-a8d0-cd3f3f363f59-000.pdf).
Per iscriversi al Corso è necessario presentare domanda entro il 30 novembre 2016 (http://www.unifi.it/vp-10784-dipartimento-di-scienze-della-salute-dss.html).
La quota di iscrizione è di 600 € (quota ridotta per laureati iscritti entro il 28° anno di età: 500 €).
Sede del Corso: Dipartimento di Scienze della Salute (DSS) – Viale Pieraccini, 6 – Firenze
Durata delle attività didattiche: 60 ore
Periodo di svolgimento del Corso: da dicembre 2016 a ottobre 2017
Per ulteriori informazioni contattare: segr-perfez@polobiotec.unifi.it


Questionario sulla Depressione perinatale

Clicca qui per il questionario